CHI DISPREZZA SGOMBERA

Appello per sostenere il Nuovo Cinema Palazzo.
Di seguito il testo e le modalità per inviare una foto o scrivere un pensiero, in fondo il form per contribuire con una firma.


 

Chi disprezza sgombera

La mattina del 23 aprile esce la notizia. Il Nuovo Cinema Palazzo, insieme ad altre ventuno occupazioni abitative e non, è sotto sgombero.
Ma sopra? Al di sopra della notizia che succede? Che abbiamo trovato mai di tanto prezioso dentro questo vecchio palazzetto, che prima era un teatro, poi è stato un cinema, quindi si è trasformato in una sala biliardo e alla fine è rimasto chiuso per anni, a guardare ammutolito Piazza dei Sanniti e il suo traffico? Perché vogliamo tutelarlo ancora, dopo che in un’altra mattina di aprile, otto anni fa, ci entrammo per impedire alla Camene spa di attuare il suo progetto di farne un casinò? Certo, sono ancora vive le ragioni che ci mossero allora, quelle ragioni che si legano all’impatto sociale disastroso che avrebbe comportato l’apertura di una nuova filiera del gioco d’azzardo in un quartiere popolare che era ed è immerso in problemi più grandi di lui, lo spaccio, la droga, la criminalità organizzata, la violenza. Ma come San Lorenzo non è né soprattutto né soltanto quei fenomeni, così quella prima radice della nostra azione collettiva ha germogliato.

E da quel palazzo siamo nati noi. Noi militanti, noi attori più o meno famosi, noi bambini più o meno scalmanati, noi gruppi musicali jazz, swing, electro, punk, rock, rap, blues, noi quartetti d’archi, trio comici, duo malinconici, noi compagnie teatrali contemporanee moderne e classiche, noi cuochi d’improvvisazioni sapienti, noi radioamatori, noi falegnami, idraulici ed elettricisti vagamente amatoriali, noi luciai e tecnici del suono nervosamente raffinati, noi scrittori e noi scribacchini, noi impresari pigri di pulizie mai perfette, noi politici, storici e giornalisti di oggi e di ieri, noi birrai di creste mai saldate, noi chiacchieroni di conversazioni mai finite, noi partigiani, noi staffette, noi architetti di città ideali, noi idealisti di città ben architettate, noi famiglie spalancate, noi solitari spaesati, noi migranti, noi poeti, noi precari, noi in rivolta.
Il Nuovo Cinema Palazzo non ci ha solo contenuti tutti. Gli dobbiamo la vita come comunità, e più che la vita gli dobbiamo ciò che in essa tiene svegli i desideri e le azioni: la libertà. Il mondo, com’è ora, nei suoi tratti tirannici, cupi e disperati, merita di cambiare. E il palazzo, che in ogni momento ci ha insegnato a reclamare quel cambiamento, merita che oggi ci stringiamo intorno a lui.

Vi chiediamo quindi di venire al Cinema Palazzo, di firmare quest’appello e di scattare una fotografia con un cartello di sostegno che porti la scritta “Chi disprezza, sgombera”.
Di tutti i concetti e i sentimenti oggi fomentati dai nostri governanti, ci sembra che il primo da scavalcare sia il disprezzo, quel crepuscolo micidiale che spezza continuamente il legame tra persona e persona.
Reclamiamo la vita di quegli spazi in cui la sofferenza che dal potere viene creata può essere superata.

#ChiDisprezzaSgombera

Per sostenere il Nuovo Cinema Palazzo:

– completa il form seguente con la tua firma
– manda la tua foto alla mail chidisprezzasgombera@gmail.com o pubblicala sul
tuo profilo facebook, taggando il @NuovoCinemaPalazzo

 

Chi disprezza, sgombera

  

Ferale, la mattina del 23 aprile esce la notizia. Il Nuovo Cinema Palazzo, insieme ad altre ventuno occupazioni abitative e non, è sotto sgombero.
Ma sopra? Al di sopra della notizia che succede? Che abbiamo trovato mai di tanto prezioso dentro questo vecchio palazzetto, che prima era un teatro, poi è stato un cinema, quindi si è trasformato in una sala biliardo e alla fine è rimasto chiuso per anni, a guardare ammutolito Piazza dei Sanniti e il suo traffico? Perché vogliamo tutelarlo ancora, dopo che in un’altra mattina di aprile, otto anni fa, ci entrammo per impedire alla Camene spa di attuare il suo progetto di farne un casinò? Certo, sono ancora vive le ragioni che ci mossero allora, quelle ragioni che si legano all’impatto sociale disastroso che avrebbe comportato l’apertura di una nuova filiera del gioco d’azzardo in un quartiere popolare che era ed è immerso in problemi più grandi di lui, lo spaccio, la droga, la criminalità organizzata, la violenza. Ma come San Lorenzo non è né soprattutto né soltanto quei fenomeni, così quella prima radice della nostra azione collettiva ha germogliato. E da quel palazzo siamo nati noi. Noi militanti, noi attori più o meno famosi, noi bambini più o meno scalmanati, noi gruppi musicali jazz, swing, electro, punk, rock, rap, blues, noi quartetti d’archi, trio comici, duo malinconici, noi compagnie teatrali contemporanee moderne e classiche, noi cuochi d’improvvisazioni sapienti, noi radioamatori, noi falegnami, idraulici ed elettricisti vagamente amatoriali, noi luciai e tecnici del suono nervosamente raffinati, noi scrittori e noi scribacchini, noi impresari pigri di pulizie mai perfette, noi politici, storici e giornalisti di oggi e di ieri, noi birrai di creste mai saldate, noi chiacchieroni di conversazioni mai finite, noi partigiani, noi staffette, noi architetti di città ideali, noi idealisti di città ben architettate, noi famiglie spalancate, noi solitari spaesati, noi migranti, noi poeti, noi precari, noi in rivolta.
Il Nuovo Cinema Palazzo non ci ha solo contenuti tutti. Gli dobbiamo la vita come comunità, e più che la vita gli dobbiamo ciò che in essa tiene svegli i desideri e le azioni: la libertà.
Il mondo, com’è ora, nei suoi tratti tirannici, cupi e disperati, merita di cambiare. E il palazzo, che in ogni momento ci ha insegnato a reclamare quel cambiamento, merita che oggi ci stringiamo intorno a lui.

Vi chiediamo quindi di venire al Cinema Palazzo, di firmare quest’appello e di scattare una fotografia con un cartello di sostegno che porti la scritta “Chi disprezza, sgombera”.
Di tutti i concetti e i sentimenti oggi fomentati dai nostri governanti, ci sembra che il primo da scavalcare sia il disprezzo, quel crepuscolo micidiale che spezza continuamente il legame tra persona e persona.
Reclamiamo la vita di quegli spazi in cui la sofferenza che dal potere viene creata può essere superata.

#ChiDisprezzaSgombera

**la tua firma**

658 signatures

Condividi con i tuoi amici:

   


Ultime sottoscrizioni
658 Sig Alessio Andrej Caperna Mag 20, 2019
657 Sig.ina Francesca Valenza Mag 20, 2019
656 Sig.ina marina incognito giuliano Mag 20, 2019
655 Sig.ina Alessia Ceci Mag 20, 2019
654 Sig.ina Daniela Miele Mag 20, 2019
653 Sig Valerio Puppo Mag 20, 2019
652 Sig.ina Maurizio Romano Mag 20, 2019
651 Sig Dario Panichi Mag 20, 2019
650 Sig.ina Roberta Mereu Mag 20, 2019
649 Sig Peppe Larosa Mag 20, 2019
648 Sig Massimo Scarabattoli Mag 19, 2019
647 Sig michele ruggiero Mag 19, 2019
646 Sig.ra Virginia Giocoli Mag 19, 2019
645 Sig Giuseppe Barresi Mag 19, 2019
644 Sig Antonio Santagata Mag 19, 2019
643 Sig.ina Silvia Giacomini Mag 18, 2019
642 Sig.ra Deborah Belford de Furia Mag 18, 2019
641 Sig.ina Alessia Palombo Mag 18, 2019
640 Sig.ina Irene Mulotto Mag 18, 2019
639 Sig.ina Francesca Meschieri Mag 18, 2019
638 Sig.ina Carla Pagani Mag 17, 2019
637 Sig.ina Francesca Giordano Mag 17, 2019
636 Sig.ina Camilla Albanese Mag 17, 2019
635 Sig.ra Nicole Mattei Mag 17, 2019
634 Sig.ina Nirvana Lipari Mag 17, 2019
633 Sig marco severa Mag 17, 2019
632 Sig.ina Silvia Coccoluto Mag 17, 2019
631 Sig.ina Fabiana Perla Mag 17, 2019
630 Sig Alessandro Marinelli Mag 17, 2019
629 Sig.ina Francesca Petrucci Mag 17, 2019
628 Sig.ina Carla Di Pardo Mag 17, 2019
627 Sig.ra VALENTINA ASCHI Mag 17, 2019
626 Sig.ina Margherita Brusca Mag 17, 2019
625 Sig claudio sagliocco Mag 17, 2019
624 Sig Claudio Rizzoni Mag 16, 2019
623 Sig.ina Gioia Saccucci Mag 16, 2019
622 Sig fabio falconi Mag 16, 2019
621 Sig.ina Giulia Cipollone Mag 16, 2019
620 Sig.ina Anna Chiara Forte Mag 16, 2019
619 Sig Francesco Visconti Mag 16, 2019
618 Sig.ina Stefania Brunelli Mag 16, 2019
617 Sig Nicola D'Alicandro Mag 16, 2019
616 Sig.ina Manuela Ascione Mag 16, 2019
615 Sig.ina Camilla Sabatini Mag 16, 2019
614 Sig.ina Loredana Cannata Mag 16, 2019
613 Sig.ra Giorgia Scialanga Mag 16, 2019
612 Sig.ina Valeria Pizi Mag 16, 2019
611 Sig Fabio Stazi Mag 16, 2019
610 Sig Emiliano Sirleto Mag 15, 2019
609 Sig Tommaso Lonzar Mag 15, 2019

6 comments on “CHI DISPREZZA SGOMBERA”

  1. Federico Rispondi

    L’arte, la cultura e la libertà di espressione non possono e non devono essere sgomberati.

  2. Elena Gagliasso Rispondi

    Sgomberare i luoghi nocivi all’umana convivenza, quelli sì: non quelli portatori di vita intelligenza e di gioia condivise.

  3. Alessandra Rispondi

    Non si può che difendere con tutte le forze un luogo come il Nuovo Cinema Palazzo, ogni anno più straordinario

  4. Andrea Rispondi

    Chi disprezza sgombera! Giù le mani dal Nuovo Cinema Palazzo
    e dagli spazi sociali. Guai a chi ci tocca!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *