Al Nuovo Cinema Palazzo è tempo di ContraBBando

Dalla metà di febbraio al prossimo settembre gli spazi liberati del Nuovo Cinema Palazzo saranno percorsi dalla terza edizione del ContraBBando: un susseguirsi di residenze artistiche che culmineranno in una programmazione di spettacoli teatrali eterogenei, accessibili a tutte e tutti e fuori dalle logiche di omologazione e mercificazione culturale.


Lunedì 12 febbraio è iniziata la prima residenza artistica del ContraBBando, strumento politico del quale ci siamo dotati per costruire un’alternativa al mondo escludente, omologante e concorrenziale dell’industria culturale. La volontà è sovvertire il concetto stesso di bando, la cui stesura è legata ad una visione – nella gestione della città come nel ‘fare cultura’ – in cui vengono privilegiati i risultati economici rispetto alla ricchezza sociale generata da pratiche collettive di produzione culturale e cura del bene comune. Crediamo non possano esistere criteri di misurazione rispetto a cosa è socialmente utile, culturalmente fondamentale e politicamente necessario; alla stima dei risultati e alla mercificazione dell’industria culturale contrapponiamo la valorizzazione dei processi, la messa in comune dei mezzi e dei saperi, il rifiuto di qualunque gerarchia. Al tentativo di criminalizzare l’agire di una comunità eterogenea e resistente  contrapponiamo una fucina di attività culturali che dal 2011 arricchisce il quartiere e la città.

La terza edizione del ContraBBando è partita quest’autunno con un call aperta a tutti gli artisti e le artiste. L’alto numero e la qualità delle proposte pervenute ci fanno capire quanto sia necessario dare ossigeno a questa città, producendo cultura autonoma in tutte le sue fasi e accessibile a tutti e tutte. Le residenze artistiche si concluderanno con uno spettacolo teatrale al mese, restituendo alla collettività una programmazione fatta di primi studi, mise en space, teatro/danza e commedia dell’arte.

Una programmazione eterogenea, nazionale e internazionale, con la volontà di creare nuovi flussi d’incontro e contaminazioni, perché il Nuovo Cinema Palazzo è uno spazio liberato autogestito e autofinanziato che si determina e cresce grazie alle persone, agli artisti e agli attivisti/alle attiviste che lo attraversano.

Questo ContraBBando è dedicato al Teatro, Arte emancipatrice che come tale ha bisogno di interrogarsi sul presente e sulla società. Affronteremo il viaggio della costruzione dell’identità e del suo rapporto/tensione con la collettività e lo status quo: ‘La conferenza degli Uccelli’ ci racconterà un viaggio iniziatico ispirato al poema di Farid Uddin Attar; ‘Capovolgere le gerarchie’ nasce con una call aperta agli artisti (scade il 1/03/2018) per intraprendere un lavoro collettivo di decostruzione delle strutture gerarchiche della quotidianità; ‘Progetto U*’ , partendo da un fatto di cronaca, si interrogherà sulla possibilità di una società non binaria e sulla facoltà di rifiutare la mascolinità e femminilità come identità di genere imposte, riscoprendo il sé fuori da retaggi culturali repressivi e obsoleti. Altro filone sarà interrogarsi sulle forme di potere e repressione a partire da differenti pretesti narrativi: con ‘Celeste’ vivremo tramite una mise en space la vita del ghetto durante l’occupazione nazifascista, ‘Con permesso don Raffaè’, riprendendo la tradizione della Commedia dell’Arte, ci farà capire fino a che punto il potere possa agire tramite le sue ‘pedine’, ‘Radio Ghetto – Voci libere dai ghetti di Foggia’ racconterà in modalità performativa la vita di questa radio, contenitore per le storie delle comunità di braccianti agricoli dell’agro foggiano, per immaginare alternative possibilità all’isolamento e sfruttamento.

La volontà è di continuare a sperimentare nuove modalità di produzione e scambio, immaginare insieme un altro modo di fare cultura e interrogarci su cosa questo voglia dire rispetto all’economia normata, al sistema-lavoro e allo status quo del divertimento-movida. Vogliamo quest’anno raccontare a nostro modo cosa sarà questa esperienza e lo faremo utilizzando il linguaggio audio/video, attraverso interviste ai Residenti durante il periodo di permanenza artistica, che troverete su questo sito.

Intanto, consci che nessun racconto è in grado di restituire pienamente l’incontro diretto, vi invitiamo tutte e tutti al Nuovo Cinema Palazzo: dal 2011 liberato, inclusivo, antifascista. #ContraBBando2018

Racconti di viaggio

ContraBBando#1: La conferenza degli uccelli
ContraBBando#2: Capovolgere le gerarchie
ContraBBando#3: Con permesso, Don Raffaè 
ContraBBando#4: Radio Ghetto – Voci Libere dai ghetti di Foggia
ContraBBando#5: Celeste

 

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *